AUTONOMY MAIN SPONSOR DEI CAMPIONATI EUROPEI PARALIMPICI DI ATLETICA LEGGERA

Martedì 7 giugno 2016

Presso la sede del Comune di Grosseto, si è svolta oggi la conferenza stampa di presentazione dei Campionati Europei Paralimpici di atletica leggera, in programma nella città toscana dal 10 al 16 giugno. Fiat Chrysler Automobiles è main sponsor della manifestazione con Autonomy, il programma che risponde alle esigenze dei clienti con ridotte capacità motorie, sensoriali o intellettive (o agli accompagnatori) per permettere loro l'utilizzo di vetture e vedersi così assicurata la libertà di movimento.

Da oltre vent'anni Autonomy offre una gamma completa di vetture o veicoli commerciali dei vari marchi del gruppo Fiat Chrsyler Automobiles (Fiat, Lancia, Alfa Romeo, Abarth, Jeep e Fiat Professional) e una serie di servizi che sono un aiuto concreto per risolvere i problemi relativi alla guida di una vettura adattata alle possibilità dei disabili. Per esempio, presso i numerosi centri di mobilità presenti su tutto il territorio nazionale, i clienti di Autonomy possono provare le proprie capacità motorie residue grazie a speciali simulatori, prendere confidenza con i veicoli modificati e richiedere il parere di medici e fisioterapisti e degli operatori dei centri stessi.

Con la fornitura di 15 courtesy car e di altre otto vetture trasformate per il trasporto degli atleti disabili, il programma Autonomy è quindi vicino agli oltre 600 atleti (numero record) provenienti da 40 nazioni europee che si giocheranno gli oltre 190 titoli in palio nonché la qualificazione alle Paralimpiadi di Rio de Janeiro in programma a settembre.

Gli atleti italiani saranno guidati dalla portabandiera dei prossimi Giochi Paralimpici di Rio De Janeiro, Martina Caironi. Al fianco della due volte campionessa mondiale dei 100 nonché attuale primatista iridata (14'61") ci saranno altre sette velociste dal talento indiscusso, tra cui il doppio argento paralimpico e continentale per lo sprint Oxana Corso, la detentrice del record nazionale Giusy Versace e Federica Maspero, quarta nel giro di pista per la stessa categoria ai Mondiali di Doha.

Tra gli atleti maschi, il lanciatore non vedente Oney Tapia, numero uno nelle liste stagionali mondiali di peso e disco, lo sprinter italo-congolese Ruud Koutikiche che cercherà di difendere il titolo continentale conquistato due anni fa nei 400 (categoria per disabilità intellettiva-relazionale) e Alvise De Vidi, 50 anni e 34 medaglie internazionali vinte in carriera.

Torino, 7 giugno 2016